giovedì 3 ottobre 2013

Il Pagellone: Juventus-Galatasaray 2-2

Dopo qualche ora per digerire la "pesantezza" della serata di ieri, eccoci qua a cercare di fare un commento ed un'analisi il più possibile a mente fredda.
Domenica scorsa non sono riuscito a vedere il derby con il Torino e infatti non ho commentato la partita. Da quello che ho potuto desumere non è stata, l'ultima di campionato, una giornata esaltante e l'unico punto a favore è di avere tenuto il ritmo di Napoli e Roma. Mentre le altre (Fiorentina e Inter) si sono annullate a vicenda.

Diciamo che mi sono subito "proiettato" alla partita di Champions League che agli occhi miei e di molti altri tifosi era la partita CHIAVE di questo treno di incontri ravvicinati (7 per 21 giorni).
Anche perchè il campionato è lungo e se si sbaglia, ci sono molte più possibilità di rimediare ai passi falsi. A meno che la Roma (o l'Inter di cui mi fido molto poco) non abbia deciso che questo è il loro hanno e che grazie all'assenza di distrazioni europee possa puntare decisamente allo scudetto tricolore.
Naturalmente la delusione è tanta. Forse anche di più.
Ma veniamo subito al pagellone in cui andiamo ad approfondire i motivi di questa delusione.

JUVENTUS: 5
La squadra non è più così squadra come l'abbiamo giustamente ammirata in questi ultimi 2 anni. Purtroppo, mi tocca ammetterlo, sembra che qualcosa si sia rotto. Ieri, come peraltro anche altri incontri, non è che è tutto da buttare. Si tratta semplicemente di paragonare ciò che si vede con quanto è alta l'asticella delle aspettative. Se abbassiamo quest'ultima i problemi non si pongono o si pongo male.
Mi spiego, dopo un calvario di anni post-calciopoli, in cui il calcio parlato e discusso in tv (che odio) è stato soppiantato da un calcio giocato come da anni non si vedeva in Italia, purtroppo ci si abitua male. La Juve vinceva ma vinceva bene. Intensità di gioco, fluidità, tenuta atletica, forza, determinazione, cattiveria agonistica, giocate tecniche dei singoli. Ogni tanto qualche passaggio a vuoto ci stava. Ci mancherebbe. Quest'anno la situazione è invertita. Si è iniziato bene (supercoppa e prima di campionato) e poi si è andati a fari spenti fino ad adesso.
E quello che sembrava un male passeggero (gioco poco incisivo, macchinosità dei movimenti fra i reparti, errori madornali nei posizionamenti difensivi, incapacità di tradurre in goal le azioni sottoporta) sembrerebbe essere ciò con cui dobbiamo convivere tutto l'anno.
Di ieri mi è piaciuta la rimonta (ormai ci siamo abituati) e questo continuo a dire non è poco. Ma quante altre volte andrà così?
A dire il vero anche vincendo, non è che si poteva essere completamente soddisfatti ma sai com'è? 4 punti e classifica blindata con il Galatasaray a zero punti.
Ma considero il 2-2 sostanzialmente giusto per ciò che il campo ha fatto vedere per 90 minuti.
Juve da regolare, quindi, sia in molti singoli che nella squadra. Che comunque si regge sul lavoro dei singoli. Altrimenti di che parliamo. CONVALESCENTE.

GALATASARAY: 6,5
Non è che i turchi abbiamo fatto sfracelli. Questo va dichiarato. Anzi vedendoli ieri sera si capisce che la partita doveva e poteva essere condotta in un altro modo. Barcollano fin da subito quando la Juve cerca di fare la Juve. Poi crescono perchè i bianconeri abbaiano ma non mordono. Episodi come quelli dell'1 a 0 per i rossi di Istanbul ci sta. Nel calcio accadono soprattutto quando dall'altra parte c'è uno che si chiama Drogba. Ma poi?
I turchi tengono botta, non si espongono più di tanto e giocano all'italiana (di altri tempi) più all'italiana che non si può. Se avessero perso, il voto sarebbe stato insufficiente ma ci credono fino all'ultimo secondo e anche questo è un merito.

PARTITA: 6,5
Partita vera, da Champions, con tutta l'emozione che queste gare danno. Contenuti tecnici così così, perchè anche chi li ha non li mette in mostra (vedi Sneijder, Pogba, Tevez, etc.....). Non come avrebbero potuto. Ma è emozionante nel doppio ribaltamento di fronte. In ogni caso nei palcoscenici europei si vede ben altro e ben di meglio.

BUFFON: 5,5
Non ha particolari colpe sui goal. Ma neanche particolari meriti. E la sufficienza per un portiere che prende 2 goal con 3 tiri in porta non può essere data. TRITATO.

BARZAGLI: 5,5
Fin quasi alla fine non aveva demeritato. Ed era stato (ma va?) il migliore della retroguardia bianconera. Interventi decisi ma puliti con dinnanzi avversari mica da ridere. Purtroppo anche in questo caso una svista e un errore di piazzamento ci sta e ci può stare. Soprattutto se sei posizionato a 2 (praticamente) e a fianco hai la controfigura di Isla dell'Udinese a proteggerti. In ogni caso un esame di coscienza il trio d'oro dell'anno scorso se lo deve fare. Perchè ormai le svagatezze e distrazioni in difesa sono diventate la regola anzichè l'eccezione. Qualcosa vorrà pur dire. PUNITO OLTREMODO.

BONUCCI: 4,5
Inutile dirlo: ciò che di lui (e della partita) si ricorderà per molto tempo sarà la svirgolata nel retropassaggio sbagliato a Buffon che ha permesso a Drogba di fare l'1 a 0 nel primo tempo. Ma non c'è solo questo. Anche Leonardo, dopo una partenza spumeggiante, si è un pò "seduto". Non sono tutti demeriti suoi e, a parte ieri, non è che abbia fatto neanche chissà quali svarioni. Ma se osserviamo la quantità di lanci a vuoto completamente fuori luogo capiamo che c'è un fattore "testa" ancor prima di ogni altra cosa. Spiace ma la prestazione è da dimenticare. ORRORE.

CHIELLINI: 5,5
Per quanto Giorgione ci abbia messo un'energia incredibile, ieri i pasticcetti sono stati veramente troppi. Non si sono visti errori clamorosi (non come Barzagli e Bonucci) ma se ben guardiamo la palla del 2 a 2 di Bulut è servita di testa da un imperioso stacco di Drogba (ma va?) proprio su Chiellini che si fa sovrastare. Di base tutta la difesa ieri è stata confusionaria e pasticciona. Serve cura rigenerante. BOLLITO.

LICHSTEINER: 5,5
Finchè è rimasto in campo, il pendolino svizzero non aveva alla fine demeritato. Ma la prestazione non lascia comunque traccia di se e quindi il voto è insufficiente. Esce per infortunio muscolare. PILE SCARICHE.

VIDAL: 6,5
Onestamente Arturo ha giocato un discreta partita ma molto lontano dalle sue potenzialità. Mancano gli inserimenti brucianti e quel pizzico di lucidità che sempre conserva nelle varie situazioni di gioco. Ma ad avercene come lui...... Segna il rigore con freddezza e anche questo non va sminuito. LUI NON TRADISCE MAI.

PIRLO: 6,5
Ieri la partita di Andrea mi è piaciuta. E' stato ordinato e anche caparbio in molti frangenti. Si vedeva che aveva voglia e che c'era gamba. E' mancato il passaggio illuminate ma ormai è una certezza. Non è solo una sua responsabilità. La squadra corre meno negli spazi e le imbeccate diventano più difficili quando gli altri non si muovono. CON VOGLIA.

POGBA: 5,5
Purtroppo per la Juve queste pause in un campioncino come Pogba ci stanno. Non ha giocato malissimo. Semplicemente non è stato incisivo e non ha coperto come ci si aspettava. Non ha tirato e su un'azione d'attacco ha perso quel momento per mettere in porta Tevez. Qualche palla persa et voilà ecco perchè insufficienza. UNA PAUSA ADESSO.

ASAMOAH: 6,5
La voglia ce la mette tutta eccome. Meriterebbe un 8 per questo. Prova spesso l'uno contro uno. E va bene. Perchè dall'altra parte saltare l'uomo sembra una bestemmia.
Certo continua a non essere un laterale puro. E quando si arriva sul fondo la differenza si vede. I cross non spesso buttati lì come viene. Ma se ieri non si è vinto non è certo per responsabilità di Asamoah. BUONI SPUNTI.

VUCINIC: 5,5
Mirko sembrava voglioso e concentrto ieri. Ma non lo sapremo mai. In un campo non all'altezza si fa male muscolarmente. Speriamo torni presto perchè serve la sua inventivà la davanti. SFORTUNATO.

TEVEZ: 7
Sempre e costantemente il migliore della Juventus dall'inizio dell'anno. Grinta da vendere, urla ai compagni di aumentare la voglia e il ritmo. Ci prova ma ieri mancava un pò di lucidità. Le tante partite adesso si sentono. Manca lo spunto vincente ma almeno non si arrende e mostra quello spirito Juve che ieri a molti è difettato. GUERRIERO.

ISLA: 4
Ho veramente paura di essere fin troppo prevenuto con Isla. Ma ormai leggo le altre pagelle e non è che giungano voti proprio benevoli nei suoi confronti. Io continuo ad avere lo stesso parere dall'anno scorso, ribadito più e più volte. Se ad Udine c'era un altro giocatore (non credo) che ce lo mandimo e si riprendano questo. Degno di giocare al massimo in una squadra di media classifica. Non adatto alla Juve o agli scenari di Champions. Ieri non ha fatto un cross che è un cross, un dribling che sia un dribling e non ha neanche aiutato in difesa sull'ultima azione. CHI E' COSTUI?

QUAGLIARELLA: 7
Fabio la mette dentro ancora in Champions. Di sicuro anche questo non è un caso. E gli va dato atto. Si conquista un rigore (che c'era) con abilità. Svaria talvolta. Secondo me può fare di più viste le sue potenzialità ma di sicuro non gli si poteva chiedere di più ieri. DA CHAMPIONS.

LLORENTE: 6,5
La grinta era quella giusta e pure la cattiveria agonistica. Schierato come 3 punta al centro dell'attacco cerca di far valere il suo peso tecnico e fisico. Se fossero arrivati i cross, forse qualcosa l'avrebbe anche fatta. VOLENTEROSO.

CONTE: 5
Purtroppo, così come si è preso i meriti dei successi della Juve in questi anni, adesso è fin troppo facile dire che non si vince perchè non ha gli uomini giusti. E in questi mesi, non è il primo passaggio a vuoto di Antonio. Alcune volte le sue disamine non sono propriamente condivisibili. Anche che comprendo che dover sempre giustificarsi dinnanzi ai giornalisti non sia facile perchè non è sempre la cosa giusta dire la verità. La verità è che alcuni uomini stanno tradendo la fiducia del tecnico (non dico chi!), così come la società che non ha comprato i giocatori che Antonio voleva.
Di sicuro però la squadra è anche la stessa dell'anno scorso. Ma il gioco non gli assomiglia per niente.
Manca velocità e ritmo. E su questo Conte di deve lavorare. Così come deve lavorare per mantenere alta la fama di vittoria e di intensità di gioco. Se poi alcuni giocatori sono troppo spremuti per rendere allora è un altro discorso. SOTTO ESAME.

Ecco il Galatasaray:
MUSLERA: 6
Fa il suo senza essere alla fine particolarmente impegnato.

EBOUE: 6
Difende con ordine.

CHEDJOU: 7
Ieri sopra le righe. Lo trovi sempre a metterci una pezza o il piedone. Bravo.

SEMIH KAYA: s.v
Si fa male ed esce. Ingiudicabile.

RIERA: 6
Insegue tutti gli juventiini che vede e fa muro dinnanzi alla difesa.

FELIPE MELO: 6,5
Anche lui difende con ordine e mette fosforo nella manovra, quando c'è, del Galatasaray.

SELCUK INAN: 5,5
Poco presente nella manovra. Pensa a tenere la posizione.

HAKAN BALTA: 6,5
Si fa sentire con il suo fisico ma alla fine difende con ordine.

SNEIJDER: 6
Qualcosa in più l'olandese poteva fare. Qualche giocata qua e la.

BRUMA: 6
Quando ha spazi è temibile e non va sottovalutato. Con margini di crescita.

DROGBA: 7,5
Come al solito impegna la difesa avversaria da sola. Incredibile. Fa goal e da l'assist per il pareggio. Insegue e combatte. Che giocatore. E meno male che quando si parlava che potesse venire alla Juve qualcuno diceva che era vecchio e cotto. Imbecilli.

GOKHAN ZAN: 5,5
Ci mette impegno ma non basta.

BULUT: 6,5
Ci crede fino alla fine e porta a casa il pareggio. Mica niente.

AMRABAT: 5
Prestazione insufficiente.

MANCINI: 6
Di stima perchè non so quanto abbia inciso in questa partita.

SQUADRA ARBITRALE: 6,5
Tollerano alcune entrate pesanti ma alla fine arbitrano bene. Giusto il rigore e giusti alcuni fuorigioco millimetrici.

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...